Animali strani, luoghi dalle peculiarità uniche, meraviglie della scienza, vicende pazzesce diventano spunti di racconto in Stranezze Terrestri.
Per inviare i vostri racconti o segnalare una stranezza terrestre scrivete a aperturaastrappo@gmail.com

lunedì 17 marzo 2014

La Drosophila melanogaster o moscerino della frutta



Il più famoso è quello del walzer, in Grecia vuol dire "amante della rugiada". È un insetto, di dimensioni medio-piccole appartenente all'ordine dei Diptera, molto studiato dall’uomo in genetica e nella cura delle malattie. È detto anche moscerino dell'aceto. Scorrendo l’albero genealogico si va dal volgare moscerino del vino fino ad arrivare alla cugina Drosophila suzukii, genere "automunito". Preferisce posarsi su frutta marcescente su cui depone le uova. Il limone è il suo frutto preferito per il forte odore che lo ubriaca; i maschi si danno all'alcool quando vengono rifiutati dalle moscerine – non possono fare altrimenti dato che i pub per loro non li hanno ancora inventati. In loro è evidente il dimorfismo sessuale, gli insetti maschi sono più corti delle femmine, inoltre li differenzia un ciuffo di piccoli peli che circonda l'ano e i genitali del maschio. I moscerini maschi cercano di accoppiarsi il più possibile e a volte lo fanno con moscerini dello stesso sesso. Il corteggiamento prevede che il maschio agiti freneticamente le ali di fronte alla femmina quindi le lecca la zona genitale e poi le monta sopra con le ali spiegate, usate come mezzo di seduzione. Svolazza a mò di protesta, se viene rifiutato. 


Le femmine non sono modello di virtù, la fedeltà non esiste per loro.  Non tutti sanno che la femmina del moscerino è la regina del sesso orale: disinibita, passionale, agisce in nome del suo piacere animale. I moscerini hanno vita breve -solo 60 giorni circa- e se è vero che il sesso allunga la vita, loro ci provano, il moscerino fa sesso per restare in forma. Forse per questo motivo i loro occhi a volte sono rossi. Le femmine di Drosophila fanno sesso più volte al giorno e quindi si deduce che trascorrano l'intera giornata a farsi leccare la parte genitale.

La moscerina se la fa leccare a turno da tutti i moscerini. Non possiamo chiamarla "fessa". Furba, non ama sorprese. Farà una selezione accurata e sceglierà il migliore in base alla prestazione. I moscerini nervosi, disposti tutti in fila in goduriosa attesa.

Dal punto di vista genetico l'uomo e il moscerino della frutta sono abbastanza simili anche se non ci sono notizie scientifiche certe che i moscerini soffrano di ansia da prestazione. È sicuro invece che noi donne studiando il comportamento sessuale della moscerina possiamo soffrire di invidia, non  "del pene" in questo caso. Ammireremo la moscerina come un'antesignana del femminismo che non darà vita a slogan del tipo "la moscerina è mia" ma di certo ci farà scoprire una moscerina giudice implacabile e protagonista assoluta del suo piacere. Lei se la gode.

Nina Tarantino

Fonti:
Sesso ed Evoluzione, Andrea Pilastro, Bompiani 2007.

22 commenti:

  1. Ma se il femminismo animale è il risultato di un evoluzione naturale..noi umani, a che punto siamo?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Stiamo indietro anni luce, ahimè!

      Nina

      Elimina
  2. Buttana ra bedda vaibba chi burdiello che fanno i moscerini... da oggi mai più aceto sull'insalata, chi vuoagghi manciari spitinzie...ahahahaha
    GD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Puoi spremere il limone al posto dell'aceto, parola di Nina...ahahah

      Elimina
  3. Quando lo lessi ho riso dalla prima all'ultima parola.
    Questo post non solo è divertente, intelligentemente ironico, è pure intriso di notizie veramente interessanti!
    Ma anch'io, come l'anonimo, mi chiedo: ..se il femminismo animale è il risultato di un evoluzione naturale..noi umani, a che punto siamo?
    Ninà sei sempre grande!
    L.I.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Luce, felice di divertirti, a presto!

      Nina

      Elimina
  4. E brave le moscerine e brava Nina. Questa lattina è una fonte inesauribile di notizie interessanti!

    RispondiElimina
  5. Moscerina birichina...e divertita.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Sabino, ti sei divertito? mi fa piacere!

      Elimina
  6. FedericoMoccio18 marzo 2014 08:39

    Ahahahah non so che scrivere, rido solo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bene...ahahah! Preparati ad ascoltare il brano e a ridere dal vivo

      Elimina
  7. Brava Nina che divertendo ci racconta i risvolti meno conosciuti e più particolari della vita da moscerino. Chissà se Morgan quando ne studiò la genetica aveva notato queste particolari pratiche...un guardone del microcosmo? Ahah!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te Annalisa per avermi fatta entrare dentro la tua lattina e per questa opportunità che mi ha fatto conoscere cose interessanti

      Nina

      Elimina
  8. non pensavo a Nina leggendo e sorpresa! Poi mi sembrava troppo disinibita questa Annalisa. Dunque...si è Nina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Clotilde non hai idea di quanto mi sono divertita! Tu si che mi conosci...ahahah

      Elimina
  9. Anch'io come Clotilde pensavo fosse di Annalisa. Mi è piaciuto molto e mi ha anche stimolato a non abbandonare più i limoni nella fruttiera in cucina, non ho intenzione di assistere ad orge mosceriniche che si dedicano a pratiche sessuali invereconde, al massimo sposto i limoni in camera da letto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono contenta di elargire certi consigli così preziosi! Grazie cara Adele, a presto!

      Elimina
  10. Chiara Maria Vitale26 marzo 2014 18:12

    LA MOSCERINA E' MIA!!! Grandiosa NIna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Chiara, ahahahah, hai colto l'ironia del pezzo!
      Nina

      Elimina
  11. ma se a una donna va un moscerino nell occhio rimane incinta

    RispondiElimina
  12. Anche per me la lettura era stata ingannevole, ma alla fine lo slang di Nina è inconfondibile e... godibile.
    W Nina

    RispondiElimina