Animali strani, luoghi dalle peculiarità uniche, meraviglie della scienza, vicende pazzesce diventano spunti di racconto in Stranezze Terrestri.
Per inviare i vostri racconti o segnalare una stranezza terrestre scrivete a aperturaastrappo@gmail.com

lunedì 15 settembre 2014

Scintille

Erano passate settimane e non si era fatta più sentire.
Sapeva solo che era a andata a New York per lavoro, anticipazioni sulla moda primavera-estate del prossimo anno. Lui non ci capiva molto, siamo ad agosto e già pensa a cosa indossare a marzo?
Certo! Già la collezione per l'autunno è pronta da un pezzo, vado a cercare ispirazione oltreoceano.
Ma io volevo passar l'estate con te, conoscerci meglio, magari fare un viaggio insieme.

Ehi frena, mica lo sapevo quando ho organizzato il tutto che mi saresti piombato addosso al supermercato. Comunque c'è il telefono, internet, ci teniamo in contatto.
Tutte balle, bella scusa per mollarmi, eppure credevo di piacerle.
Lei sembrò intuire i suoi pensieri, gli si sedette vicino e puntò lo sguardo su di lui. Per me è un'occasione importante, conoscerò esperti del settore, mostrerò i miei lavori, parteciperò alle sfilate, non posso perderla. Quando torno se vorrai riprenderemo da dove abbiamo lasciato.
Fatto sta che non si fece viva e ogni volta che provava a chiamarla il telefono era staccato. Aveva perso il conto delle mail e dei messaggi che le aveva lasciato, tutti senza risposta. Meno male che dovevamo tenerci in contatto. Inutile continuare a pensarci, meglio farsi una nuotata.

Arrivò sul tardi, quando già gli altri bagnanti stavano andando via. La spiaggia diventava man mano silenziosa e l'acqua pulita. Distese l'asciugamano e vi buttò sopra la maglietta. La temperatura era ideale, si immerse e rispuntò parecchi metri più in là per poi continuare con bracciate veloci a dirigersi al largo. Si concentrò sui movimenti del corpo, il ritmo della respirazione, l'acqua che gli scivolava addosso. Si rilassò. Nel tornare vide che era rimasto solo il suo telo e poco più in là una ragazza con occhiali scuri e cappello dalla grande falda, e dire che il sole stava per tramontare, a che le servivano? Gli sembrava di conoscerla ma era ancora lontano da riva per distinguerla bene. Lei si tolse gli occhiali e guardò verso di lui. Si alzò di scatto e gli andò incontro con un sorriso.
Dove ti eri cacciata?
Non ci crederai quando ti racconto! - Di sicuro stentò a credere a ciò che avvenne di lì a poco.
Ormai il sole se ne era andato e iniziava a far buio. Non appena entrò in acqua per raggiungerlo una scia luminosa le si formò tutto intorno. Ogni movimento era accompagnato da un fascio di luce azzurra che subito dopo si spegneva per poi formarsi da qualche altra parte.
Ma cos'è? Sei tu?
Io? A far cosa? Wow è bellissimo! Guarda, è tutto blu! - Il mare si era increspato e ad ogni onda sembrava che sott'acqua si accendessero una miriade di lucine a led.
Stavano nuotando in mezzo a un mare di plancton bioluminescente, formato da minuscoli microrganismi marini capaci di emettere luce. La reazione, che coinvolge luciferina, luciferasi e ossigeno, ha solo bisogno che l'acqua venga smossa.
Basta poco per far scoccare la scintilla.

Annalisa Balistreri

Fonti






La coppia di questo racconto è già apparsa in altre occasioni all'interno del blog. Ogni incontro è una rezione chimica.
Ecco i link per ripercorrere la sua storia:

21 commenti:

  1. Quanto mi piace questa coppia. Bella l'immagine del plancton bioluminescente, per un attimo prima di arrivare alla fine del racconto avevo pensato che ci fosse di mezzo una sirena. La scintilla come scia della chimica dell'amore. Bentornata Annalisa!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sin dal primo incontro questa coppia tra mille pasticci ha però sempre avuto la chimica dalla sua. Chissà cosa combineranno la prossima volta...
      Bentrovata Adele!

      Elimina
  2. wow, bello sto racconto a partire dalla foto.
    Stavano nuotando in mezzo a un mare di plancton bioluminescente, formato da minuscoli microrganismi marini capaci di emettere luce. La reazione, che coinvoge luciferina, luciferasi e ossigeno, ha solo bisogno che l'acqua venga smossa.
    grandioso!!! tutti al mare
    gd

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il mare ha tante stranezze che aspettano di esser raccontate, questa è fra le più suggestive.
      Grazie GD!

      Elimina
  3. Un bellissimo racconto dal finale affascinante.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il fascino del fenomeno è davvero particolare, ho cercato di renderlo nel racconto.
      Grazie Sabino!

      Elimina
  4. Ho avuto modo di osservare il plancton bioluminescente in diverse occasioni ed è proprio così: ti muovi e dietro di te si forma la scia luminosa. Bella questa descrizione di una cosa del tutto normale in natura che invece l'uomo considera magica e suggestiva.
    In Africa il mare di Nacala era pieno, ma anche qui in Sicilia ce l'abbiamo.
    Bentornata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'intensità del fenomeno dipende proprio dall'abbondanza del placton bioluminescente. Nelle aree tropicali sono più frequenti i bloom algali bioluminescenti ma come dici tu anche in Mediterraneo è possibile osservarlo. A me è capitato durante un'immersione notturna: ho spento la lampada e ho agitato l'acqua con le mani. Sembrava di aver tante lucciole intorno.
      Bentrovato Federico e grazie per la tua testimonianza.

      Elimina
  5. la cosa sembra magica ...ma é un episodio di sincronicità...che Jung e Pauli descrivono così bene...tra psicologia e magia...bello. Brava. Grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Monica, mi piacerebbe approfondire l'argomento Jung - Pauli. Dove trovo qualche informazione in più?

      Elimina
  6. Grazie a te Monica, hai dato ulteriori spunti di riflessione e conoscenza veramente interessanti.

    RispondiElimina
  7. Psicologia e magia ... mai parole furono più appropriate per il tuo post, Annalisa.
    Brava e bentornata.
    L.I.

    RispondiElimina
  8. Brava Annalisa, mi piace e mi fa pensare a quanta magia si nasconde in un battito di braccia sul plancton luminescente
    Bel rientro. Mi pare che siamo carichi di luce luciferina estiva!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Basta poco a volte per assistere a fenomeni particolari. Grazie Clotilde.

      Elimina
  9. Bello! Magico! Un perfetto ritorno dalle vacanze. Io ho visto solo qualche lucina bianca vicino la riva però, portatemi a vedere il plancton bioluminescente (ma quant'è bella la parola bioluminescente?)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una spiaggia come quella della foto la vorrei veder anch'io, andiamoci insieme!

      Elimina
  10. Questo brano è bello non soltanto perché è suggestivo...è magico...
    ma anche perché rappresenta la vita, con la sua chimica che produce cambiamenti di stato ed emozioni, così come accade ai protagonisti di questa storia.
    Brava Annalisa, ci hai fatto vivere insieme ai protagonisti una notte magica immersi nella luce.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che commentone! Qui siamo ai livelli di critica letteraria eheh...
      Hai saputo cogliere l'anima di questa storia e l'hai resa in parole. Grazie.

      Elimina
  11. Brava, brano di magia che incuriosisce. Scusami se lo leggo in ritardo qui, avevo già avuto il piacere della tua lettura. Mi piace molto l'idea delle avventure di coppia. Alla prossima.
    Nina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Nina perchè sei stata una delle prime ad ascoltare questo brano e mi hai subito dato il tuo prezioso parere. Questa coppia farà scintille! Ahah

      Elimina