Animali strani, luoghi dalle peculiarità uniche, meraviglie della scienza, vicende pazzesce diventano spunti di racconto in Stranezze Terrestri.
Per inviare i vostri racconti o segnalare una stranezza terrestre scrivete a aperturaastrappo@gmail.com

lunedì 27 luglio 2015

Molto vicini



"Il follicolo" era strapieno,  la serata di inaugurazione andava alla grande. Nella pista principale potevano muoversi a stento ma continuavano a ballare con il sudore che scendeva a fiotti, gli uni stretti agli altri, in un un girone infernale di corpi ammassati. Lunghi addomi si scuotevano a tempo e centinaia di  braccia si sollevavano in aria in una danza che sembrava non sarebbe finita mai.


Intanto, in zone più isolate, dietro a brufoli carichi di pus, coppie createsi quella notte si univano in amplessi focosi, impazienti di dar sfogo al loro istinto, per poi dividersi subito dopo e tornare spossati nella bolgia generale alla ricerca di nuovi incontri. Lasciavano dietro di se scie di secrezioni corporee della più varia natura a testimonianza delle imprese appena concluse.

Nella zona food le pance si gonfiavano alimentate di continuo da bocche ingorde attaccate come sanguisughe al bulbo pilifero da cui estrapolavano frammenti di pelle morta e sostanze oleose, goccia a goccia, fin quando non ce la fecero più, la pelle tesa al massimo si lacerò e in uno scoppio tutte le scorie accumulate in una vita vennero fuori e si riversarono sui presenti. Materia nera dall'odore acido ricoprì tutto e tutti, colava dalle pareti, imbrattava il suolo che divenne scivoloso. Tossine e batteri si diffusero veloci,  accompagnate dal forte puzzo che fuoriusciva dai corpi morti svuotati del contenuto. Andarono avanti noncuranti, scivolavano in quell'accozzaglia di umori e le casse continuarono a battere il ritmo senza fermarsi, per tutta la notte.



Mi svegliai stanca senza sapere perchè. 

Annalisa Balistreri


Informazioni


Sul viso degli esseri umani sono state scoperte due specie di acari che vivono all'interno dei follicoli piliferi. Svolgono l'intero ciclo vitale sul nostro viso, nutrendosi di sostanze oleose o pelle morta, riproducendosi e morendo. Poiché sono esseri non dotati di ano, quando muoiono liberano le sostanze di scarto tutte in una volta.

Fonti

 http://www.focus.it/scienza/salute/gli-acari-che-vivono-sulla-tua-faccia

http://www.nationalgeographic.it/natura/animali/2014/08/28/news/tutti_abbiamo_gli_acari_in_faccia-2266078/

17 commenti:

  1. Un horror proprio!
    Come al solito a me piacciono tutte queste notizie particolari.
    Brava Annalisa.
    L.I.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sa che con tutti questi film che mi fate vedere mi avete influenzato un po' ahahah!

      Annalisa B.

      Elimina
  2. bleah bleah, mai si era letta un'Annalisa più splatterosa. D'altronde anche gli acari hanno diritto ai loro cinque minuti di popolarità. (emoticon secreto)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mai mi ero cimentata nello splatter, ma la notizia era già un po' disgustosa di suo così ho incentrato il racconto su questo aspetto. Pensa a tutti questi esserini che abbiamo addosso e combinano di tutto a nostra insaputa!

      Annalisa B.

      Elimina
  3. Splatteeeerrrrr...brava Annalisa, evoca deliri da sindrome di Korsakoff (zooptiche ed Aptiche) WOW

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I tuoi commenti li trovo sempre molto interessanti e puntuali, danno spunti di conoscenza ulteriori, portando valore aggiunto. Grazie Monica!

      Annalisa B.

      Elimina
  4. Lettura sconsigliata durante i pasti... Dopo, sostituisce i digestivi. Comunque, mi hai tenuta incollata alla lettura in un crescendo di orrore. La parte finale, didattica interessantissima. Complimentoni!
    Sere

    RispondiElimina
  5. FedericoMoccio28 luglio 2015 09:38

    Ahahah, a parte il contenuto, secondo me la scrittura di questo pezzo merita davvero tanto. Mi ha ricordato Doppio sogno di Schnitzler o Eyes Wide Shut di Kubrick.
    Complimentazioni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dici? Particolare come accostamento, grazie!

      Annalisa B.

      Elimina
  6. Il tuo microscopio impietoso ha dato finalmente voce a tanti esseri finora anonimi; letteratura fantasy senza motivazioni moralistiche, ma puro spasso, wao, wau.
    Come dire, non siamo mai soli.

    RosaL.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, non siamo mai soli, c'è qualcuno che se la spassa su di noi, che effetto fa pensarlo?


      Annalisa B.

      Elimina
  7. Già pensare che degli acari vivono sulla nostra faccia e agghiacciante, sapere pure quello che ci combinano... Pezzo perfetto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi ricordo ancora la tua faccia quando mi hai comunicato questa notizia curiosa, eri scioccata ahah! Grazie per il suggerimento ed i compimentoni.

      Annalisa

      Elimina
  8. Un pezzo così andava pubblicato in prima pagina. E non aggiungo altro!

    RispondiElimina